Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito.

Basilico Genovese DOP

Data ultima modifica: 8 aprile 2009 - Liguria, Ortofrutticoli, Prodotti Tipici
Vendita Basilico Genovese DOP
Elenco produttori o distributori:
Se vuoi essere presente in quest’elenco: contattaci!

Basilico Genovese DOP

Il Basilico Genovese D.O.P. è quella particolare varietà di basilico (Ocimum basilicum L.), seminata, coltivata, raccolta e prodotta nel solo versante tirrenico della regione Liguria in pieno campo oppure in serra. Ha ottenuto la D.O.P. a seguito del Regolamento (CE) n. 1623/2005 pubblicato il 5 ottobre 2005.

Caratteristiche

Il Basilico Genovese si presenta di altezza medio-alta con portamento tra il cilindrico e l’espanso. Si distingue per le sue foglie medio-piccole, con forma ovale e convessa, di colore verde tenue. Il profumo è delicato e privo di quella fragranza di menta spesso riscontrabile in varietà coltivate in altre zone.

Usi consigliati

Solo con le foglie, fresche o essiccate, del Basilico Genovese DOP, si prepara il famoso Pesto alla genovese, la salsa tipica della cucina ligure usata per condire pasta, tartine e focacce. Inoltre viene aggiunto alle insalate, sulle pizze e nei panini, al pesce e alle verdure.

Come il basilico comune, l’Ocimum basilicum originario dell’Asia tropicale, anche a quello Genovese sono riconosciute caratteristiche afrodisiache.

Tecniche di coltivazione

La semina può essere effettuata in ogni periodo dell’anno ma quello più appropriato è il periodo primaverile. Dopo aver preparato il terreno con fertilizzanti soprattutto di tipo organico, si procede alla semina manuale a terra ad una profondità di circa mezzo centimetro e componendo delle “tacche” cioè delle siepi della dimensione dai 120 ai 160 cm.

Il terreno adatto alla coltivazione del Basilico Genovese DOP deve essere leggero ma ricco di calcio e poco acido e l’irrigazione più adatta è quella realizzata con acqua piovana.

Un po’ di storia

Sono stati i Romani ad introdurre il basilico in diverse aree del Mediterraneo ed in Liguria e, mentre inizialmente era utilizzato per presunte proprietà curative, successivamente si moltiplicarono gli usi anche in cucina. Da Genova quindi, si iniziò a coltivare anche nel resto della fascia marittima del territorio ligure.

Foto da:
http://sito.parco-basilico.it/