Lambrusco Salamino di Santa Croce D.O.C.

Data ultima modifica: 3 maggio 2011 - Emilia-Romagna, Prodotti Tipici, Vini
Vendita Lambrusco Salamino di Santa Croce D.O.C.
Elenco produttori o distributori:
Se vuoi essere presente in quest’elenco: contattaci!

Lambrusco Salamino di Santa Croce D.O.C.Le 4 varietà di Lambruschi di Modena sono:

1. il Lambrusco di Sorbara D.O.C.;
2. il Lambrusco Grasparossa di Castelvetro D.O.C.;
3. il Lambrusco Salamino di Santa Croce D.O.C.;
4. il Lambrusco di Modena.


LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE D.O.C.

Il Lambrusco Salamino di Santa Croce è stato dichiarato D.O.C. a seguito del D.M. del 27 luglio 2009 e GU n° 188 del 14 agosto 2009. Viene prodotto all’interno del territorio amministrativo di 13 comuni della provincia di Modena (Modena compresa).

Composizione

Il Lambrusco Salamino di Santa Croce è un vino frizzante composto da Lambrusco Salamino in purezza o con l’aggiunta di altri Lambruschi, Fortana (conosciuto come “Uva d’Oro”) e Ancellotta. Raggiunge una gradazione alcolica minima di 10,5%.

Caratteristiche del Lambrusco Salamino di Santa Croce D.O.C.

Questo vino ha un colore rosso rubino intenso a riflessi e spuma violacei; al naso si presenta fruttato (frutta matura), vinoso, molto gradevole, ampio, intenso, persistente; in bocca risulta sapido, delicatamente acido, mediamente corposo, leggermente fruttato, moderatamente alcolico, armonico ed equilibrato.

Abbinamenti consigliati

Il Lambrusco Salamino di Santa Croce và servito a 12°-14°C in abbinamento con primi piatti con condimenti a base di carni, arrosti di carni bianche e di maiale e piatti saporiti e complessi emiliani.

Un po’ di storia

Di Vitis labrusca si parla già dall’epoca dei Romani, i quali intendevano con questo termine un vitigno che cresceva selvatico (labrusca vuol dire appunto selvatico, in latino “labrum” e “ruscum”) e che produceva frutti aspri. E’ dal 1300 che da questo vitigno si riesce a produrre vino sfuso a seguito di selezioni, vino che verrà poi imbottigliato e chiuso con tappi di sughero a partire solo dal 1700. Giosuè Carducci è stato un estimatore del Lambrusco: infatti si recava spesso appositamente a Modena per bere il vino in una trattoria che ancor oggi porta il suo nome.

Testo di Alessio Bartolini - Sommelier
© Riproduzione vietata