Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito.

Fairtrade

Data ultima modifica: 16 luglio 2012 - Marchi di Tutela

FairtradeFairtrade è il marchio di garanzia del Commercio Equo e Solidale, che nasce da una partnership commerciale fondata sul dialogo, il rispetto e la trasparenza che  cerca di conseguire una maggiore equità nel mercato internazionale.

Il marchio, che si può apporre su prodotti alimentari, tessili e per l’igiene personale, identifica un prodotto equo solidale e lo distingue da tutti gli altri presenti sugli scaffali dei supermercati. Inoltre rappresenta anche una forma di garanzia per il consumatore perchè i prodotti contrassegnati dal marchio Fairtrade sono controllati in tutto il processo, dal produttore, all’importatore a chi li distribuisce.

L’attività di certificazione è svolta dalla società indipendente FLO CERT promossa da Fairtrade International e segue i criteri di indipendenza e terzietà stabiliti dalla norma ISO 65 (= UNI EN 45011) dei produttori del Sud del Mondo, esportatori, importatori e trasformatori. L’organizzazione si occupa di ricevere le domande di certificazione, di svolgere l’attività ispettiva e di valutare gli operatori controllati.

In Italia il marchio è gestito da Fairtrade Italia, un consorzio senza scopo di lucro costituito da organismi che operano nella cooperazione internazionale, nella solidarietà e nel commercio equo e solidale, nato nel 1994 per diffondere nella grande distribuzione i prodotti del mercato equo.


FairTrade


Fairtrade Italia è parte, insieme ad altre 26 organizzazioni che operano in tutto il mondo, di Fairtrade International. In pratica, il marchio Fairtrade garantisce che i prodotti con il suo simbolo, che trovi in migliaia di punti vendita, siano stati lavorati senza causare sfruttamento e povertà nel Sud del mondo e siano stati acquistati secondo i criteri del Commercio Equo e Solidale. Così il cioccolato, il cacao, il tè, il caffè, le banane, il succo d’arancia, il miele ma anche i palloni da calcio, il cotone, le rose e tanti altri nuovi prodotti, saranno più buoni sia per i consumatori che per i produttori.