Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito.

Lo Gnocco Fritto (Emilia Romagna)

Data ultima modifica: 14 aprile 2012 - Ricette, Ricette Emilia-Romagna

Gnocco frittoLo Gnocco fritto è una ricetta tipica dell’Emilia Romagna ma diventata famosa anche nel resto d’Italia. La sua preparazione è molto semplice e si tratta, in sostanza, di pasta di pane che viene fritta e poi degustata con formaggi e salumi.

All’interno della regione esistono diversi modi di chiamare questa pietanza a seconda delle province. A Bologna lo gnocco fritto viene chiamato “Crescentina“, a Parma “Torta fritta“, a Reggio Emilia e Modena “Gnocco fritto“, mentre nella provincia di Piacenza si sono conservatei i termini dialettali di “Chisulèn” e di “Burtlèina“.

Categoria: Antipasti
Origine: Emilia Romagna
Dosi per: 4 persone
Costo: basso
Difficoltà: bassa
Tempo di cottura: circa 1 ora


Ingredienti

– 150 gr di latte o acqua;
– 1/2 cubetto di lievito di birra;
– 300 gr di farina;
– 1 cucchiaio di olio d’oliva;
– 1 cucchiaino di sale;
– 1 cucchiaino di zucchero;
– 1 Kg di strutto oppure olio per friggere


Preparazione

Sciogliere bene il lievito all’interno del latte leggermente riscaldato, mescolando con un cucchiaino. Alcuni usano anche acqua al posto del latte.

Aggiungere la farina, l’olio, il sale e lo zucchero e amalgamare fino ad ottenere un impasto morbido. Lasciare la pasta a lievitare per circa 60 minuti, quindi stenderla a sfoglia non molto sottile. Ritagliare dei rettangoli o delle losanghe e friggerli in una padella con lo strutto (o l’olio) bollente.

Una volta cotti, adagiarli su un foglio di carta assorbente che trattenga l’olio di frittura. Servirli caldi accompagnati da un tagliere di salumi misti.

Buon appetito!


Ricetta proposta da: ProdottiRegionali.net