Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito.

Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane D.O.C.G.

Data ultima modifica: 16 luglio 2012 - Abruzzo, Prodotti Tipici, Vini
Vendita Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane D.O.C.G.
Elenco produttori o distributori:
Se vuoi essere presente in quest’elenco: contattaci!

Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane D.O.C.G.Il Vino Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane ha ottenuto la DOCG (Denominazione d’Origine Controllata e Garantita) nel novembre del 2002. Si produce esclusivamente nella provincia di Teramo da uve Montepulciano (minimo 90%) alle quali si possono aggiungere quelle di Sangiovese. Il vitigno Montepulciano d’Abruzzo non va confuso con la città toscana di Montepulciano il cui vino deriva, invece, dal vitigno Sangiovese.

I vigneti del Montepulciano d’Abruzzo sono dislocati sulle Colline Teramane, un territorio che si estende a nord della regione, tra il Gran Sasso e le coste dell’Adriatico, dove si ottengono vini eccellenti che hanno conquistato il plauso di tutti gli appassionati. La particolare struttura del terreno ed un microclima favorevole hanno favorito la produzione di questo vino dalle peculiari sensazioni organolettiche che ben si adatta all’invecchiamento. Tra gli altri vini prodotti su queste Colline, ricordiamo il Trebbiano d’Abruzzo D.O.C., il Cerasuolo e il Controguerra D.O.C..

Il Consorzio di Tutela del Montepulciano d’Abruzzo DOCG, che si propone di tutelare, garantire e promuovere la qualità del prodotto, ha adottato un disciplinare di produzione molto rigido il quale stabilisce rese non superiori ai 90 quintali per ettaro, il divieto dell’allevamento a tendone, non meno di 3.500 ceppi per ettaro, la vinificazione all’interno solo della zona di produzione. Inoltre stabilisce un invecchiamento di due anni per la versione normale e tre anni per il Riserva. Almeno un anno di invecchiamento deve avvenire in botti di rovere o castagno.

Il Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane deve avere un grado alcolico molto elevato ed è vietata la “tecnica dell’arricchimento” con la quale si provoca un incremento alcolometrico volumico naturale delle uve fresche, del mosto di uve, del mosto di uve parzialmente fermentate o del vino nuovo ancora in fermentazione.

Caratteristiche Organolettiche

Il Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane DOCG ha un colore rosso rubino intenso, con lievi sfumature violacee che, con l’invecchiamento, tendono al granato. All’olfatto si caratterizza per il profumo deciso, intenso ed etereo con sentori della frutta rossa matura e delle spezie. Il sapore è asciutto, pieno e vigoroso ma morbido e rotondo allo stesso tempo, armonico e vellutato.

Abbinamenti a tavola

Si abbina a sughi di carne, carni rosse grigliate, bolliti, arrosti, brasati, pollo, cacciagione e formaggi stagionati. Se ne consiglia la degustazione ad una temperatura di 18°C.

Un pò di storia

La viticoltura teramana e quella abruzzese in generale hanno origini antichissime. Già Polibio, storico greco antico del mondo mediterraneo, narrava che Annibale, una volta sconfitti i Romani al Trasimeno, varcò l’Appenino e condusse l’esercito nelle vallate che scendono all’Adriatico. Qui i soldati poterono riposare e ristorarsi con i prodotti tipici della zona e bevendo un vino rinomato che fu anche adoperato per curare i feriti.

Ma esistono anche altre testimonianze della tradizione enologica dell’Abruzzo. Nei suoi scritti, Plinio il Vecchio, esaltava la qualità e la squisitezza del Pretuziano mentre Ovidio, poeta di Sulmona, nel suo poema epico Le Metamorfosi, celebrò la bellezza e l’importanza dei vigneti della Valle Peligna (da cui proviene storicamente il vitigno del Montepulciano).

Dopo aver ottenuto nel 2002 la DOCG, tenendo conto del prescritto periodo di invecchiamento, il Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane è stato commercializzato a partire dal 2005 e dal 2006 per i Riserva.

Il Consorzio di Tutela Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane, con sede legale a Teramo in via F. Savini, 48 e sede operativa a Mosciano Sant’Angelo (TE)in via Carlo Lerici, 3, si è costituito con l’obiettivo di tutelare sia le aziende, i produttori, i viticoltori e gli enologi che tutti i consumatori di questo ottimo vino.

Per conseguire questi risultati, il Consorzio esercita anche la promozione del prodotto ed effettua controlli sulle aziende consorziate affinchè il prodotto posto sul mercato rispetti i dettami del disciplinare di produzione.

Fonte: http://www.collineteramane.com/