Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito.

Parmigiano danneggiato dal terremoto, richieste oltre le aspettative

Data ultima modifica: 25 maggio 2012 - Emilia-Romagna, News e Portali di Enogastronomia

Emilia Romagna, Maggio 2012

Incredibile successo per l’iniziativa di vendita del Parmigiano Reggiano danneggiato

parmigiano_coldiretti--400x300Bologna, 25 Maggio 2012 – Alle 4.04 del 20 Maggio 2012 il nord Italia viene svegliato da una scossa di terremoto di magnitudo 6 che scuote la terra per circa venti secondi da Milano a Venezia, da Torino a Trieste, da Bolzano a Bologna e che ha il suo epicentro proprio in Emilia-Romagna. Il bilancio dei danni è terribile: sette morti, una cinquantina di feriti, più di quattromila sfollati in attesa di una sistemazione e un patrimonio artistico messo in ginocchio. 

Tra le realtà danneggiate ci sono tantissime piccole e medie imprese che, adesso, rischiano di chiudere per l’impossibilità di riprendere l’attività ordinaria. Tra queste le aziende casearie, il cui Parmigiano Reggiano è un’eccellenza conosciuta in tutto il mondo. Molti depositi in cui le forme erano messe a stagionare sono crollati, danneggiandone una gran parte. Ma gli imprenditori emiliani hanno reagito, confermando il loro spirito d’iniziativa, e hanno deciso di promuovere una vendita a prezzi più bassi del Parmigiano danneggiato.

L’iniziativa, proposta dall’azienda agricola Casumaro con l’adesione di altri 19 produttori consorziati nella Cooperativa sociale La Cappelletta di S.Possidonio in provincia di Modena, ha sortito un effetto che ha superato ogni aspettativa con un boom di richieste tale da rendere difficile la possibilità di soddisfare tutte le richieste dei consumatori. Sul sito dell’Arci Modena, che ha contribuito ad organizzare e divulgare l’impresa è stata diffusa la notizia che: “Arci Modena e Filieracorta sono state sommerse di mail di richiesta di ordinazione di Parmigiano Reggiano dell’azienda colpita dal terremoto. Alle 15 le mail erano piu’ di 900 e non sappiamo se riusciremo a far fronte a tutte le ordinazioni“. Infatti, proprio per la difficoltà di soddisfare la richiesta, Arci Modena e Filieracorta, hanno chiesto di sospendere le prenotazioni per il momento.

Anche il Consorzio Parmigiano Reggiano ha rilevato il grande successo della vendita e, tramite il proprio ufficio stampa, ha fatto sapere di aver ricevuto, sul profilo Facebbok, oltre 2.600 condivisioni dell’appello ad acquistare le forme danneggiate.

Testo di E.R.
© Riproduzione vietata

Per maggiori informazioni:

Consorzio Parmigiano Reggiano
URL: >> http://www.parmigiano-reggiano.it/

Arci Modena
URL: >> http://www.arcimodena.org/