Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito.

Lo Squacquerone di Romagna diventa D.O.P.

Data ultima modifica: 27 luglio 2012 - News e Portali di Enogastronomia

Lo Squacquerone di Romagna, già eccellenza enogastronomica regionale, ottiene il riconoscimento ufficiale dall’Unione Europa

Squacquerone di Romagna DOPCon il regolamento di esecuzione UE 679/2012 della Commissione, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea n. 198 del 25 luglio 2012, lo Squacquerone di Romagna ha finalmente ottenuto il riconoscimento della Denominazione di Origine Protetta.

Il disciplinare di produzione ha stabilito anche l’area di produzione che corrisponde a quella in cui si produce il latte e si procede alla sua lavorazione per l’ottenimento del gustosissimo formaggio. In particolare si citano espressamente tutte le province romagnole, la provincia di Bologna e parte della provincia di Ferrara.

Tiberio Rabboni, assessore regionale all’Agricoltura dell’Emilia-Romagna, ha commentato il successo affermando che “Si conferma così la capacita’ del nostro territorio di dedicarsi a produzioni di qualità e di contribuire al consolidamento del valore della tipicità. I caseifici romagnoli specializzati nella produzione di Squacquerone di Romagna hanno finalmente ottenuto questo importante riconoscimento, ad oltre 10 anni dalla presentazione della domanda da parte dell’associazione che li riunisce”.

Ha anche ricordato come non sia stato facile ottenere questo risultato a causa della forte opposizione delle aziende concorrenti ma adesso l’attribuzione della Dop contribuirà a riportare ai caseifici che lo producono col metodo e nel territorio indicati nel disciplinare, il valore di un prodotto cosi’ immediatamente riconducibile alla Romagna.

Lo Squacquerone è un formaggio a pasta molle ottenuto esclusivamente da latte vaccino intero. Ha una pasta di colore bianco, madreperlaceo, senza crosta nè buccia. Il latte necessario alla sua preparazione deriva dalle seguenti razze bovine: frisona italiana, bruna alpina e romagnola.

Immagine: http://www.ilrestodelcarlino.it/