Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito.

Pesce e derivati

Pesce e alimentazione: il pesce contiene vitamine, proteine e acidi grassi Omega 3. Migliora la risposta immunitaria e previene l'infarto

Il pesce è un alimento che non dovrebbe mancare nella dieta di adulti e bambini e tutti gli esperti ne consigliano il consumo almeno due o tre volte la settimana.

Esistono diverse tipologie di pesce: il pesce grasso (salmone, sardine, sgombro), il pesce semigrasso (tonno fresco, pesce spada) e il pesce magro (merluzzo, orata, acciughe, aragosta, polpo) ma tutti apportano un’indispensabile riserva di vitamine (A e D), di proteine (pari a quelle della carne ma con una migliore digeribilità) e di acidi grassi Omega 3, presenti soprattutto nel pesce grasso. Inoltre il pesce migliora la risposta immunitaria del nostro organismo e stimola la crescita cellulare.

Gli acidi grassi Omega 3 aiutano a migliorare le funzioni cardiache e circolatorie e quindi allontanano il rischio di infarto; combattono tumori, asma ed artrite, aiutano il cervello prevenendo malattie come Alzheimer e demenza e combattono la depressione. Inoltre contrastano artrite, psoriasi, ipertensione e ictus.

Rispetto alla carne il pesce è meno calorico, meno grasso, contiene meno colesterolo ed è più digeribile; inoltre svolge un’attività antinfiammatoria, è ricco di minerali e proteine, è povero di glucidi ed abbassa il livello dei trigliceridi

I pesci di mare, quelli grassi e semigrassi si alimentano con plancton e quindi sono più ricchi di Omega 3 rispetto a quelli allevati che vengono nutriti con cereali (soia o grano).

Per esaltare il gusto del pesce, si consiglia di cucinarlo alla griglia, al forno, lessato e soprattutto al cartoccio, un metodo di cottura che evita l’aggiunta di altri condimenti. Per evitare di annullare l’azione benefica degli Omega 3 quando, va evitato di accompagnare il pesce con alimenti o condimenti che contengono acidi grassi Omega 6 (oli di mais, cartamo e girasole) poiché questi ultimi neutralizzano le virtù curative degli Omega 3.

Sarebbe meglio usare come condimento l’olio d’oliva extravergine e non l’olio di mais anche perché il primo, aggiunto a crudo, esalta le proprietà cardioprotettive e anticolesterolo del pesce e riduce anche il livello di trigliceridi presenti nel sangue.

Tra i derivati del pesce si segnalano l’olio di merluzzo e l’olio di halibut, estratti da questi due grandi pesci dei mari del circolo polare artico e ricchi di vitamina A e D. Tali vitamine, contenute sia nel pesce fresco che negli oli o nelle capsule sono ottimi ricostituenti naturali, rigenerando cervello, ossa, pelle e occhi. La vitamina A è benefica per occhi, pelle e capelli e aumenta le difese per contrastare le infezioni alle vie respiratorie; la vitamina D è indispensabile per fissare il calcio nelle ossa, e quindi è utile nelle fasi di crescita e come prevenzione alla decalcificazione (in gravidanza, allattamento, menopausa, terza età). Facilita la guarigione di fratture, aiuta nei problemi di osteoporosi e rachitismo. Le fonti più ricche di vitamina D sono in ordine decrescente: olio di halibut, di merluzzo, di aringa, di sgombro, di salmone e di sardine. Gli oli estratti dai pesci grassi svolgono un’importante funzione per lo sviluppo del cervello, grazie al contenuto di DHA, un acido grasso è coinvolto nelle funzioni mentali e intellettive e nella crescita delle cellule cerebrali.

Anguilla di Comacchio

L’Anguilla di Comacchio è una delle più conosciute ed apprezzate specialità gastronomiche di Comacchio, dove viene cucinata nei modi più disparati, tipicamente nelle festività natalizie: dal delicato risotto al brodetto d’anguilla a becco d’asino accompagnato da polenta abbrustolita.